61 anni fa l’addio ad Albert Einstein

61 anni fa l’addio ad Albert Einstein

Stravagante, genio, visionario, temerario, unico. 61 anni fa (18 aprile 1955) ci lasciava il grande Albert Einstein, fisico e filosofo tedesco naturalizzato statunitense.

Considerato uno dei più celebri fisici della storia della scienza, Einstein fu attivo anche nel campo della filosofia e della politica, meritandosi il riconoscimento di essere considerato come uno dei più importanti pensatori del XX secolo.

einst

Cenni biografici:

  • Nasce ad Ulma il 14 marzo 1879 da una famiglia ebraica.
  • Frequenta una scuola elementare cattolica.
  • Si trasferisce prima a Monaco di Baviera, poi, nel 1894, in Italia, a Pavia.
  • Consegue il diploma ad Aarau nel 1896.
  • Nello stesso anno superò l’esame di ammissione al Politecnico di Zurigo
  • Conclude gli studi al politecnico nel 1900.
  • Sposa Mileva nel 1903.
  • Nel 1905 Einstein pubblica sei lavori di grande caratura fisico-scientifica.
  • Ottiene il dottorato nel 1906.
  • Propone una teoria relativistica sulla gravitazione nel 1915.
  • Nel 1921 ottiene il Premio Nobel per la Fisica.
  • Nel 1927 viene invitato dal governo italiano al Congresso internazionale dei fisici, ma rifiuta l’invito per la sua opposizione al regime di Mussolini.
  • Nel 1933 decide di trasferirsi negli USA.
  • Nel 1950 descrive la sua teoria di unificazione, rivelatasi poi parzialmente errata.
  • Muore il 18 aprile 1955 a causa di un’emorragia addominale.

Pensiero filosofico:

Era mosso da una profonda ammirazione per Spinoza e Schopenhauer. Dal primo ricavò l’idea del cosmo come di un tutto ordinato secondo le leggi di un’entità panica, mentre del secondo condivideva la visione disincantata dell’umanità. Smentì la sua presunta adesione al positivismo

La sua fiducia nell’intelligibilità dell’universo fece si che Einstein maturasse una concezione fortemente deterministica.

Visione politica:

Einstein si considerò sempre un pacifista e un umanista, e da molti venne considerato comunista. Einstein fu un accanito vegetariano. Si oppose ai governi dittatoriali. All’inizio fu favorevole alla realizzazione della bomba atomica, ma successivamente combattè contro i test e le sperimentazioni militari della bomba atomica.

Visione religiosa:

Benchè di famiglia ebraica, Einstein non credeva negli aspetti puramente religiosi dell’ebraismo, ma si considerava ebreo dal punto di vista culturale.

« Io non credo in un Dio personale e non ho mai negato questo fatto, anzi, ho sempre espresso le mie convinzioni chiaramente. Se qualcosa in me può essere chiamato religioso è la mia sconfinata ammirazione per la struttura del mondo che la scienza ha fin qui potuto rivelare. »

« Non riesco a concepire un Dio che premi e castighi le sue creature o che sia dotato di una volontà simile alla nostra. E neppure riesco né voglio concepire un individuo che sopravviva alla propria morte fisica; lasciamo ai deboli di spirito, animati dal timore o da un assurdo egocentrismo, il conforto di simili pensieri. Sono appagato dal mistero dell’eternità della vita e dal barlume della meravigliosa struttura del mondo esistente, insieme al tentativo ostinato di comprendere una parte, sia pur minuscola, della Ragione che si manifesta nella Natura. »

« Per me, la parola Dio non è niente di più che un’espressione e un prodotto dell’umana debolezza, e la Bibbia è una collezione di onorevoli ma primitive leggende, che a dire il vero sono piuttosto infantili. Nessuna interpretazione, non importa quanto sottile, può farmi cambiare idea su questo. Per me la religione ebraica, come tutte le altre, è un’incarnazione delle superstizioni più puerili »

Riconoscimenti principali:

  • L’einsteinio è un elemento chimico della tavola periodica a lui dedicato.
  • Premio Nobel per la fisica nel 1921.
  • Medaglia d’Oro della R.A.S. nel 1926.
  • Un osservatorio astronomico: la Torre Einstein.
  • Un cratere lunare: cratere Einstein.

Vi lasciamo con una delle più profonde e significative affermazioni del fisico tedesco:

“E’ più facile spezzare un atomo che un pregiudizio.”

Precedente Apollo 16: 44 anni fa il lancio Successivo Leucemia mieloblastica acuta: sintomi, rischi, trattamento