Apollo 16: 44 anni fa il lancio

 

Apollo 16: 44 anni il lancio

Viaggiare nello spazio è stata una delle conquiste più meravigliose e lungimiranti compiute dall’uomo. Raggiungere il satellite terrestre, la Luna, è stato il coronamento di anni di studi e di messe a punto per far si che l’uomo riuscisse ad atterrare su di essa.

Esattamente 44 anni fa veniva lanciato Apollo 16, e non era la prima volta che veniva tentata un’impresa del genere: nel luglio del 1969 infatti l’uomo per la prima volta aveva messo piede sulla Luna.

Vediamo di scoprire nel dettaglio cos’è l’Apollo 16, qual è stata la sua preparazione, il lancio sulla Luna e le finalità della missione.

0logo

Cos’è l’Apollo 16?

Apollo 16 fu la decima missione programmata dalla NASA con equipaggio umano e la quinta ad atterrare sulla Luna. L’operazione venne conclusa con il raggiungimento dell’obiettivo prefissato, ovvero il quinto allunaggio.

Equipaggio della missione

Dopo la conclusione della missione Apollo 14, nel marzo del 1971 la NASA annunciò ufficialmente la missione Apollo 16. Vennero selezionati i componenti dell’equipaggio; il comandante sarebbe stato John W. Young; K. Mattingly, non partito per la missione Apollo 13; Charles Duke, astronauta al suo volo inaugurale nello spazio. L’equipaggio di riserva era composto da Freid Haise, nel ruolo di comandante, Stuard Roosa ed Edgar Mithell. L’equipaggio di supporto era formato da Philip Chapman, Anthony Englnd, Robert Overmyer, Herry Hartsfield e Donald Peterson.

equipaggioapollo

Preparazione della missione

Gli stadi del razzo vettore Saturn V vennero consegnati a Cape Kennedy nel 1970. Il modulo di comando dell’Apollo venne chiamato Casper, nome del famoso fantasma del cartone animato. Il modulo lunare venne chiamato Orion, dal nome dell’omonima costellazione.

Nel dicembre del 1971 il razzo venne trasportato verso la futura rampa di lancio, ma nel 1972 dovette essere riportato all’edificio di montaggio, per riparare delle picole fessure che dovevano essere riparate prima del lancio.

Il lancio

16 aprile 1972: alle ore 17:53 dal John F. Kennedy Space Center di Cape Canaveral avvenne il lancio. Poco dopo che il modulo lunare Orion si era staccato dal modulo di comando Casper si riscontrò un malfunzionamento del sistema di propulsione, considerato grave al punto di mettere in seria discussione la riuscita della missione. Tuttavia, il centro di controllo constatò che la deviazione della traiettoria prevista era controllabile; la missione dunque potè continuare.

L’arrivo sulla Luna

Il 21 aprile alle ore 02:23, con cinque ore di ritardo, la navicella spaziale toccò il suolo lunare.  L’evento non potè essere trasmesso in diretta televisiva, poichè la stazione trasmittente si era guastata. Tramite la montatura di un rover lunare fu comunque possibile trasmettere le prime immagini dei lavori sulla Luna.

apollo

Obiettivi della missione

Strumenti utilizzati durante la missione:

  • Esperimento sismico passivo ed attivo
  • Magnetometro fisso e portatile
  • Esperimento di misurazione del flusso di calore
  • Collettori per il vento solare
  • Trasponder per misurare i campi di gravità
  • Rivelatore per la misurazione della radiazione cosmica

Gli astronauti condussero dei test sul rover lunare, portandolo ad una velocità di circa 18 km/h. Venne condotta per tre giorni l’esporazione dell’altopiano Descartes. Vennero raccolti diversi campioni di rocce lunari, di cui uno di 11 kg.

Ritorno ed atterraggio

Prima di abbandonare lo spazio, venne messo in orbita un piccolo satellite, il cui scopo era quello di eseguire misurazioni relative ai campi magnetici terrestri.

Durante il rientro, gli astronauti dovettero sopportare una decelerazione di circa 7,19 g.

Il 27 aprile del 1972 alle ore 19:45 l’Apollo 16 nelle acque dell’Oceano Pacifico.

Precedente Progetto Genoma Umano: 13 anni fa il completamento Successivo 61 anni fa l'addio ad Albert Einstein