Nebulosa Testa di Cavallo

Nebulosa Testa di Cavallo
 

Nebulosa Testa di Cavallo

Questa è la Nebulosa Testa di Cavallo, e si trova nella cintura di Orione!
Maestosa, imponente, spettacolare, unica.

ic434_mtmLa Nebulosa Testa di Cavallo

È parte di un turbine di gas e polveri, sagomato come la testa di un cavallo, da qui il nome. È una delle nebulose maggiormente riconoscibili e note del cielo, anche se è difficile poterla osservare visualmente: la sua forma caratteristica si può individuare solo attraverso le fotografie dell’area. La prima foto della nebulosa risale al 1888, presa presso l’Harvard College Observatory.

L’oscurità della nebulosa è principalmente causata da polvere densa, anche se la parte più bassa del “collo” getta un’ombra sulla sinistra. I flussi di gas che lasciano la nebulosa sono incanalati da un forte campo magnetico. Le macchie brillanti alla base della nebulosa sono giovani stelle in formazione. La luce della nebulosa Testa di Cavallo impiega circa 1500 anni per raggiungere la Terra!

Quanto “pesa”?

La sua imponente massa è pari a 27 volte quella del Sole! UN VALORE INIMMAGINABILE!

La Testa di Cavallo come inizio di un “Globulo di Bok”:

Alcuni studiosi ritengono che la Testa di Cavallo sia l’inizio di un cosiddetto “buco scuro” entro cui sarà del tutto impossibile vedere nell’ottico, ma solo nelle bande infrarosse quello che accade nei meandri di esso.

Le giovani stelle della Testa di Cavallo stanno iniziando ad attirare materiale sufficiente per formarsi. Infatti, gli intensi campi magnetici che si trovano nella regione sono capaci di formare dei vortici e di spostare imponenti masse di materia, le quali convergono verso queste giovani stelle che fra qualche milione di anno daranno vita alla loro prima reazione nucleare e, grazie alle alte temperature della zona, inizieranno a brillare come stelle di nome e di fatto, allontanando con il vento stellare i rimasugli di polvere che sono serviti per la formazione della stella.

Precedente Da dove ricavano energia e nutrienti le cellule? Successivo James Parkinson